Che cristiano sei?

Posted: 8th marzo 2016 by nikugace in Riflessioni Bibliche
Commenti disabilitati su Che cristiano sei?

cristianoEsistono tante forme religiose di diverse denominazioni. La mia domanda però, non è riferita alla differenza religiosa. Se invece domandiamo al giorno d’oggi, “sei cristiano”? La risposta, di sicuro sarà: “e che, sono una bestia secondo te”? Viene definita la figura del cristiano con quella di una persona comune a prescindere dal fatto se crede o meno in Gesù. Da un lato è buono perché vuole dire che i primi cristiani hanno lasciato una buona reputazione e testimonianza di come bisogna comportarsi. Però la mia domanda non si riferisce nemmeno a questa. Ci sono tre tipi di cristiani nel mondo:

·         Il cristiano religioso

·         Il cristiano legalista

·         Il cristiano seguace di Gesù

Il cristiano religioso.
Nel giorno d’oggi, ci sono tanti cristiani religiosi. Il cristiano religioso è quella persona che crede però non ha interesse di crescere ed avere una relazione personale con Dio. Vuole sempre qualcuno che gli faccia da tramite. Si basta solo di prediche o studi che sente però non vuole approfondire personalmente. Crede in forma ideologica e dogmatica. Dice lo scrittore della lettera agli ebrei 5:12

Infatti, dopo tanto tempo dovreste già essere maestri; invece avete di nuovo bisogno che vi siano insegnati i primi elementi degli oracoli di Dio; siete giunti al punto che avete bisogno di latte e non di cibo solido.

Questo versetto parla in un modo chiaro e non ha bisogno di essere interpretato. Un’altra cosa che si vede nel religioso è quello di sforzarsi per guadagnare il regno dei cieli. Fa delle opere buone, così può guadagnarsi il favore di Dio. Pensa, basta comportarsi bene per andare in cielo. Queste, sono cose buone però non servono per andare in cielo. Dal momento che una persona vive per queste cose, rischia di rimanere fuori. Infatti, la vita eterna è per tutti ed è un dono. Non viene guadagnata da un buon comportamento ma viene realizzata da uno stille di vita.

Il cristiano legalista.
Per cristiano legalista si intende quella persona che cade nello spirito settario. Nei tempi di Gesù, il fariseismo era una forma legalista. Queste persone non conoscono la Parola di Dio del tutto però per quello che conoscono, impongono una forma nel seguire. Prendono solo alcune parti della Bibbia e le fanno diventare “regola da seguire”. Hanno come obbiettivo, quello di confondere i cristiani religiosi mettendovi delle zizanie. Quelle persone che non sono cresciute e sono deboli spiritualmente, sono prede di questi legalisti. Per i religiosi, loro possono sembrare delle vere guide perché citano dei versetti biblici a memoria. Un legalista lo vediamo dall’atteggiamento orgoglioso come se solo lui ha capito le cose, invece gli altro, no. Gli piace essere salutato da tutti e rispettato da tutti. Vuole mettersi in mostra. Paolo, nella prima lettera alla chiesa dei corinzi 8:1 dice:

…La conoscenza gonfia, ma l’amore edifica.

La conoscenza non è un male ma lo si può diventare. Dal momento che la nostra conoscenza non la attuammo usandola come strumento di edificazione e crescita, la nostra conoscenza diventa in noi un vero legalismo. Anche il legalista come il religioso, si sforza per guadagnare il regno dei cieli. A differenza del religioso, il legalista non usa le opere buone come mezzo, ma stabilisce delle regole da seguire come unica via per avere vita eterna. Seguendo quelle leggi solo allora lo si può avere la vita eterna. Dimenticando che la vita eterna è un dono di Dio fatta in Gesù e non un premio che si riceve da delle regole e leggi. Le regole sono buone perché aiutano a disciplinarci in questa vita e per formarci un carattere ma non sono il mezzo per raggiungere la vita eterna.

Il cristiano seguace di Gesù.
Per essere cristiano bisogna avere dei criteri secondo la Parola di Dio. Non possiamo definirci cristiani perché veniamo da tradizione cristiana oppure perché ci hanno fatto da piccoli, ecc.! Il vero cristiano si distingue molto facilmente dal religioso e dal legalista. Però, questa distinzione lo si può fare solo attraverso la Parola di Dio. Per molti, il religioso e il legalista, sono entrambi cristiani che seguono Gesù e invece la Parola di Dio li esorta di cambiare.  Il vero cristiano ha delle caratteristiche molto speciali ed alcune di queste sono:

·         Nuova Nascita. Questo è fondamentale per definirsi cristiano. Gesù quando parlò con Nicodemo, gli disse che “bisogna nascere di nuovo per entrare nel regno dei cieli”. Questa nuova nascita avviene dal momento che Gesù entra nella tua vita e trasforma la tua vita. Ci dà salvezza, speranza, certezza e amore.

·         Testimone di Gesù. Quando Gesù dovette lasciare la terra, disse: “voi riceverete potenza quando lo Spirito Santo verrà su di voi e mi sarete testimoni…”. Dal momento che Gesù cambia la tua vita, la prima cosa che ti viene spontanea è quella di raccontare ciò che Gesù ha fatto per te. Un cristiano si riconosce in questo. Non si riconosce nelle discussioni dottrinali ma si riconosce nel raccontare di quello che Gesù ha fatto per lui. Non sarà testimone di altri nomi, personaggi ma soltanto di Gesù perché per questo motivo è stato chiamato cristiano (seguace di Gesù).

·         Innamorarsi della Parola di Dio. Dal momento che Gesù entra nella tua vita, tu, vuoi sapere tutto di Lui. Ritieni la Sua Parola come la lettera d’amore per te. Diventerà il tuo cibo spirituale del quale non potrai farne a meno.

·         Comunione con Dio. La comunione con Dio è fondamentale per un cristiano. Solo così possiamo conoscere meglio il nostro Padre Celeste. Se non abbiamo un tempo con il nostro Padre celeste su questa terra, non pensiamo di averlo nel regno dei cieli. Solo attraverso una comunione con Dio, in noi saranno manifestate in forma naturale i doni e i segni dello Spirito Santo (guarire gli ammalati, scacciare i demoni, risuscitare i morti, ecc.). Non vivremo per i segni o i doni ma essi faranno parte di noi.

·         Parte della Chiesa. Un cristiano deve desiderare ardentemente la comunione fraterna e fare parte di una chiesa locale. E’ impossibile essere parte del corpo di Gesù se poi attacchi la Chiesa Sua e non fai parte a nessuna comunità. Dal momento che Gesù cambia la tua vita, senti il desiderio di trovare altri credenti e fare parte della Chiesa di Gesù. Lo Spirito Santo è quello che ti mette quel desiderio. Se vedi che non hai alcun desiderio di fare parte ad una comunità, allora il problema è che ti sei dimenticato del primo amore.

Ci sono anche altre caratteristiche che differenzia un vero cristiano però le altre le lascio a voi di scoprirle. Non possiamo definire cristiano quello che non lo è. Tu come ti definiresti. In quale delle tre fai parte? La buona notizia è che Dio ti ama e vuole trasformarti in un vero cristiano.

Dio ci benedica

[Voti: 4    Media Voto: 4.8/5]

Comments are closed.